Strategie per comunicare con il preadolescente e promuoverne lo sviluppo mentale
Si sa che l’adolescenza sia un periodo difficile, ma per trovarsi meno in difficoltà ed avere più attrezzi nella propria cassetta, è opportuno dedicare attenzione alla fase precedente, quella che va approssimativamente dai 9/10 ai 12/14 anni, il periodo che abbraccia la fine delle scuole elementari e le scuole medie.

“Figli piccoli problemi piccoli, figli grandi problemi grandi”, recita un proverbio ed i genitori iniziano ad accorgersene quando i bimbi cominciano ad avere bisogno di maggiori autonomie.

Capita a tutti i genitori di trovarsi stravolti di fronte alle richieste dei bambini che si stanno trasformando in ragazzi e quando si fallisce nel dialogo, aspetto importantissimo della relazione, il genitore si trova di fronte alle proprie emozioni da gestire, spesso caratterizzate da un senso di impotenza e in certi casi di rabbia.

L’incontro ha l’obiettivo di suggerire metodi per comunicare con efficacia e senza fraintendimenti vedendo insieme quali sono i più comuni errori dei genitori nel loro rapporto con i figli, comprendendo il “funzionamento” emotivo e mentale del bambino in fase di sviluppo preadolescenziale nell’era dei social network.

In collaborazione con l’Associazione M.Ed.I.Azioni

Organizzatore