Gli atti di bullismo e di cyberbullismo sono in continua crescita. Fino ad un bambino su tre (dato della Polizia di Stato) è vittima di questo tipo di disagi, e la statistica potrebbe essere anche più alta, visto che non tutti denunciano. Nonostante l’aumento dei casi, questi due fenomeni sono ancora sconosciuti o sottovalutati da molte famiglie e scuole.

La strategia migliore è la prevenzione, alla base della quale c’è la promozione di un clima culturale, sociale ed emotivo in grado di scoraggiare sul nascere i comportamenti di prevaricazione e prepotenza.